Le Pillole di Ercole

La commedia è andata in scena il 17, il 18 e il 19 gennaio al Piccolo Teatro San Pio (zona Malafede)

Le Pillole di Eercole

Classico esempio di vaudeville della Belle Epoque, “Le pillole di Ercole”, di Charles Maurice Hennequin e Paul Bilhaud, è una commedia brillante del 1904.
Piena di irresistibili gag, spassosi equivoci e tanti colpi di scena, la commedia è tutta giocata attorno a due personaggi: il Dottor Frontignan, innamoratissimo della moglie Angelica, e l’amico medico Augusto Lavirette, inventore delle famose pillole afrodisiache che danno il titolo alla commedia.
Augusto, per provarne l’efficacia, non esita a somministrarle di nascosto a Frontignan, trasformandolo da marito fedele a focoso dongiovanni.

L’intreccio si complica a causa dei maldestri tentativi dei due di risolvere le situazioni imbarazzanti che si vengono a creare man mano, anche con l’entrata in scena di tutta una serie di colorati personaggi tra cui un ricchissimo emiro dal nome impronunciabile, accompagnato da un fedele eunuco e da un esercito di venti mogli, l’anziano colonnello scozzese O’Cardill, donnaiolo impenitente, e le figure femminili della vedova Bicot, una vecchia cantante di varietà, e di sua figlia Odette, solo apparentemente sprovveduta, che la madre cerca di accasare.

Nel 1960 ne è stato tratto il film omonimo, diretto da Luciano Salce.

Nel 1982 anche David Montemurri ha diretto un film con un cast di tutto rispetto: Tullio Solenghi (Frontignan), Paola Quattrini (Angelica), Franco Volpi (colonnello).